fbpx
  • Français
  • Español
  • English

Sonata per tubi

Arie di musica classica per strumenti inconsueti

  • Di e con: Ferdinando D’Andria, Maila Sparapani, Marilù D’Andria
  • Aiuto alla creazione: Marta Dalla Via, Federico Cibin
  • Disegno luci e audio: Federico Cibin
  • Scenografie: Ferdinando D’Andria
  • Contributo ai giochi circensi e acrobazie: Riccardo Massidda, Gaby Corbo
  • Foto: Elisa Cerè, Aris Gambino, Andrea Macchia, Marcello Cubeddu
  • Spettacolo ospitato dalle Residenze Artistiche in transito ministeriali: Festival Mirabilia, Teatro dell’Argine, CLAPS
  • Residenza internazionale: Eje Producciones culturales (Leòn – Spagna)
  • Durata: 60 minuti
  • Adatto a: Tout Public (tutte le età)
  • Tecniche di circo: Palo cinese, Danza acrobatica, Verticalismo, Manipolazione di oggetti, Giocoleria con Diabolo e Clave
  • Strumenti musicali utilizzati: Basso Tubo, Tuboncello, Minitubo, Violino,  Clavax (clava/sax), Diabolofono (diabolo sonoro), Palo sonoro, Palco grancassa.
  • Produzione: Compagnia Nando e Maila ETS
  • Con il sostegno del: Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Musica inconsueta o circo inedito? È il circo dell’invenzione.

Cantato e suonato dal vivo, Sonata per tubi è uno spettacolo di circo contemporaneo che ricerca le possibilità musicali di oggetti ed attrezzi di circo, trasformandoli in strumenti musicali attraverso l’ingegno e l’uso della tecnologia.






“Ogni cosa che tocchiamo o facciamo emette suono: sia gli attrezzi di circo, che il palco, che noi stessi.”



Ha inizio il concerto: pezzi di tubo che volano vanno a comporre un contrabbasso e un violoncello. La musica avanza tra Rossini, Bach, Beethoven, Pink Floyd, Rolling Stones e Luis Armstrong.

Poi arriva lei: una ragazzina di tredici anni, principessa moderna, che sconvolge ogni armonia. Il mito principale degli adolescenti di tutto il mondo è quello dell’eroe. In ogni adolescente c’è, nella fantasia, nei pensieri e nelle zone più profonde dell’animo, l’esigenza di fare qualcosa di eroico, di particolare, che sia al di fuori della quotidianità per diventare adulti.

Il circo alimenta la follia del trio in contrappunto con clave che diventano sax e con diaboli sonori. Ne consegue un crescendo di canti polifonici a tre voci, di danze e prove di coraggio, musicali e circensi, che condurranno ad un rituale finale per il passaggio dall’adolescenza alla vita da adulto. Il pizzicato del clown musicale fa trasparire l’anima dei tre attori che con un linguaggio universale e accessibile a tutti, si incontrano e si scontrano nel magico gioco della vita.

Leggi la Scheda Tecnica

Spazio Scenico

  • Lo spettacolo ha una durata di circa 60’ ed è rappresentabile sia al chiuso (teatri, sale equivalenti, auditorium, etc.) che all’aperto con il buio.
  • Spazio scenico ideale: 8m di larghezza x 8m di profondità x 6m di altezza.
  • Spazio scenico ristretto: 6m di larghezza x 5m di profondità x 4 metri di altezza.
  • Nel caso in cui le dimensioni dello spazio scenico siano inferiori a quelle sopra citate o il suolo non sia perfettamente liscio o in piano, si prega di contattare la compagnia.
  • Durante la stagione teatrale invernale si richiede obbligatoriamente di far trovare il Teatro e i Camerini già caldi all’arrivo della Compagnia (almeno 20° C). Qualora nei camerini la temperatura non raggiungesse almeno i 20°C con l’impianto di riscaldamento tradizionale, prevedere anche l’impiego delle stufette elettriche. Nei camerini devono essere presenti un bagno caldo, pulito e funzionante, con sapone e asciugamani, uno specchio e un’illuminazione adeguata, almeno 3 sedie
  • In caso di rappresentazione all’aperto si richiede di posizionare lo spettacolo in zone non ventose, protette acusticamente e di prevedere delle sedie e della moquette per favorire la migliore fruizione da parte del pubblico. Inoltre si richiedono transenne (almeno 4) per delimitare l’area dello spettacolo.
  • È necessario l’accesso del mezzo della compagnia sul luogo dello spettacolo per lo scarico del materiale. Le dimensioni del mezzo sono: lunghezza 6,90 m / larghezza 2,30 m / altezza 3,10 m.
  • In ogni caso la compagnia si riserva di valutare in loco se le condizioni di sicurezza e atmosferiche siano adeguate per la rappresentazione dello spettacolo.

Carico Elettrico e Service Audio e Luci

La compagnia utilizzerà il proprio service audio e luci, tuttavia si riserva di utilizzare l’impianto audio-luci già presente in loco. Sono necessarie due prese di corrente CEE 220V/16 A su due fasi separate oppure una presa CEE 380V/16 o 32A per un carico complessivo di picco di 4 KW (la distanza massima delle prese non deve superare i 30m).

E’ previsto l’utilizzo di una macchina del fumo, quindi in caso di rappresentazione in luoghi chiusi, bisogna prevedere lo spegnimento dell’impianto antincendio per il tempo della durata dello spettacolo.

Tempistiche

La compagnia inizierà il montaggio 6 ore prima dell’inizio della rappresentazione. I tempi di smontaggio sono approssimativamente di 2 ore. Si consideri per la programmazione dell’evento che la compagnia deve necessariamente fare un sound check di circa 40 min.

Leggi la Rassegna Stampa

eolo-ragazzi.it

Ottobre 2020
Eolo / Rivista online di teatro ragazzi
di Rossella Marchi

Leggi l’articolo completo

laltraribalta.it

Mer 06/10/2020
Sonata per tubi. Nando & Maila inaugurano Musicomica. / A Sassari si schiude il sipario al teatro Verdi.
di Luigi Coppola

Leggi l’articolo completo

glistatigenerali.com

Mer 12/08/2020
SUONI E VISIONI / Teatro dei Luoghi: una casa aperta a Lecce
di Andrea Porcheddu

Leggi l’articolo completo

persinsala.it

Lun 03/08/2020
Sonata per tubi / Teatro dei Luoghi Fest & Fineterra
"L’arte di sorprendere"
di Fiorenza Sammartino

Leggi l’articolo completo

Corriere Adriatico

Sab 22/02/2020
"È un concerto in cui il clown fonde l'azione con la musica"
di Giovanni Filosa

Leggi l’articolo completo

TargatoCuneo.it

Mar 02/07/19
PROGETTO SPECIALE PER IL SOCIALE
"Musica e Circo in una casa di riposo di Fossano"

Leggi l’articolo completo

TargatoCuneo.it

Mar 05/12/19
"Visto per Voi: Sonata per tubi"

Leggi l’articolo completo